Stampa

Protesi Fissa

La protesi fissa viene fissata agli elementi pilastro con la cementazione e non può essere rimossa dal paziente. In base alle funzioni si distinguono tre tipi di protesi fissa:

  • protesi fissa di ricostruzione: ha il compito di ricostruire le parti anatomiche del dente asportato e preservarlo quindi dalla completa distruzione (es. corone, intarsi, perno moncone);
  • protesi fissa di sostituzione: sostituisce completamente con elementi particolari i denti naturali (es. elementi intermedi di protesi a ponte);
  • protesi fissa di fissazione: ha la proprietà di bloccare e distribuire correttamente le forze masticatorie (es. ferule di fissazione).

Tali elementi se si ancorano sul dente o radice residuo vengono definiti corone, se poggiano sui denti adiacenti (opportunamente limati) con il fine di ripristinare denti mancanti sono detti ponti, e se sono applicati su impianti inseriti nell'osso sono definiti protesi su impianti. Sono definite protesi fissa anche le faccette, che consistono in gusci di ceramica da applicare sui denti anteriori per finalità estetiche o funzionali. Negli ultimi anni grande importanza ha assunto la realizzazione computer-assistita di protesi fisse con tecnologia CAD/CAM.

  • Corone.

    Le corone sono protesi per denti singoli dei quali almeno la radice è conservata. Si ancorano o al dente opportunamente preparato (moncone) . Le corone, come gli elementi di ponte, possono essere in metallo, metallo ceramica, zirconio-ceramica , o solo ceramica. Recentemente si stanno presentando altri materiali utili per la protesi fissa,come il disilicato di litio.

     

     

     

     

    -Corona Ceramica su Zirconio-

     

    L’ossido di zirconio, messo a punto negli ultimi dieci anni, per il suo elevato grado di biocompatibilità e leggerezza sta diventando oggi il materiale per eccellenza nella realizzazione di restauri dentali di alta qualità. Lo sviluppo della tecnologia innovativa CAD/CAM permette la fresatura con alta precisione di blocchi di ossido di zirconio presinterizzato, in uno stadio di morbidezza lavorabile. Dopo la fresatura il materiale subisce la sintetizzazione e diventa stabile con caratteristiche meccaniche eccellenti e può essere utilizzato come supporto delle ceramiche dentali. Lo zirconio permette risultati estetici non raggiungibili con altri metalli. In aggiunta alle qualità di luminosità, estetica, compatibilità biologica, lo zirconio presenta una durezza e una resistenza alla flessione che permette di costruire delle ceramiche con meno di 2mm di spessore e di costruire ponti estesi.